Polpette ricotta e spinaci fritte per finta

Qualcosa del genere ve l’avevo già proposta, credevo di aver la Vittoria (è il nome di mia figlia, anzi un pezzo del nome) in pugno ma poi la pupattola in questione ha cambiato gusti. 

polpettevs2-1.jpg

Vittoria Sofia non gradisce più il sugo di pomodoro, pare. Tzè.

“Sugo no piace”, dice e per lei è finita lì. Due anni appena suonati, ma idee chiarissime e insindacabili.

La guera è guera, però si dice dalle parti mie. Trentotto anni, una laurea in ingegneria, foodblogger pluripremiata e mica mi posso arrendere così.

E come gliele cuocio queste polpette senza uovo? l’illuminazione mi è venuta ricordando un corso fatto al Mind, dove la Precy, friggeva in forno. E che ci vado a fare in giro a rubare con gli occhi se poi non applico? E ho applicato. Un successone, se le è spazzolate tutte, tranne 2-3 che mammà e papà hanno rubacchiato per capire se erano buone davvero ;). 

Ecco cosa vi occorre:

  • 200 gr di ricotta di pecora
  • stesso volume di spinaci lessati e strizzati
  • 2-3 cucchiai di parmigiano
  • pangrattato
  • sale
  • olio evo

Montate la ricotta a crema.

Lessate gli spinaci, passateli velocemente sotto l’acqua fredda, strizzateli e poi riduceteli a crema con l’aiuto del minipimer.

Mescolateli con la ricotta, un pizzico di sale, un cucchiaio di pangrattato e  il parmigiano.

Fate delle piccole palline e rotolatele nel pangrattato.

Rivestite una teglia di carta di forno e mettete il forno al massimo.

Prendete una piccola ciotolina e riempitela di olio evo, tuffateci velocissimamente le polpettine e adagiatele sulla carta.

In forno per 7-8 minuti asciugate con della carta dell’olio eventualmente residuo e servite. Io a metà cottura le ho girate, per fare la crosticina da entrambe le parti. 

Polpette ricotta e spinaci fritte per fintaultima modifica: 2012-10-16T00:27:00+02:00da amarituda
Reposta per primo quest’articolo

3 Responses

  1. at |

    Giusto.. senno’ che ci vai a fare a sbirciare in giro?! A proposito, quando torni? Le polpette sono bellissime e in bocca al lupo con la piccola e intransigente buongustaia. Baci, Nadia

  2. at |

    Me le sarei mangiate anche io delle polpettine cosi carine…

    🙂

  3. at |

    @precy: prima o poi ritorno, tranquilla 😀

    @The master of cook: infatti la prossima volta procedo con quantità industriali che obiettivamente meritano. Modestia a parte 🙂

Leave a Reply