Brufoli, buco dell’ozono e Eco Food Day.

Io ho passato la mia adolescenza angosciata da due questioni: i brufoli e il buco dell’ozono

I brufoli stavano lì, visibilissimi pure un po’ dolorosi, ma sapevo che sarebbero andati via prima o poi per fare spazio alle rughe. E infatti, ora ho le rughe. Che culo, aggiungo.

Il buco dell’ozono invece, non lo vedevo ma sapevo che non sarebbe stato così facile liberarsene. Notizia di qualche giorno fa è che si è un po’ rimpiccolito (fonte ansa), ma sta sempre lì sulle nostre teste. Sereni, non è merito nostro, pare anzi sia causato dall’innalzamento della temperatura in Antartide.

Poi succedeva che l’insegnante ti dava il tema proprio sul famoso buco, e tu fiducioso e utopista, come solo una ragazzina di 13 anni può essere, cercavi di buttar giù su quelle 4 pagine di foglio protocollo una strategia per contrastare il pertugio atmosferico.

1. basta alle bombolette con il freon

2. adozione delle fonti energetiche rinnovabili 

3. non buttare le carte per terra, che comunque ci sta sempre bene.

Sarebbe bastato che quelli del G8 avessero letto un po’ di temi degli scolari italiani ed ora il problema sarebbe risolto. Ma così non è stato.

La cosa positiva però, è che quei ragazzini sono cresciuti e, temino dopo temino, hanno sviluppato una coscienza ecologica. Oggi, c’è gente che fa la raccolta differenziata, per dirne una.

E’ stato così che la ragazzina cresciutella che è in me, quando ha ricevuto l’invito per l’ Eco Food Day il 20 ottobre scorso l’ho accettato, felice contenta e sopratutto fiduciosa.

E’ stata una bella giornata passata all’accademia del Pepe Verde con lo Chef Cesare Amato e altre 19 foodblogger. Lo chef ci ha presentato 3 ricette, che se fate i bravi vi condivido.

ecofoodday-1.jpg

Ma la cosa figa è stato lo scopo della giornata, e cioè quello di sottoscrivere la carta dei foodblogger “green”, ossia un vademecum, che partendo dal concetto che alla base di ogni prodotto alimentare c’è un eco sistema da proteggere, ne consegue 10 principi da applicare nella vita di foodblogger. Curiosi? Andatela a leggere qui nel sito di Food140 organizzatore dell’evento.

Sponsor della giornata sono stati ancheIdee di Casa, la fattoria San Sebastiano con il suo profumatissimo olio e La Riserva San Massimo con il suo riso. Ovviamente anche gli sponsor, tutti green nel corpo e nell’anima.

 

  

Brufoli, buco dell’ozono e Eco Food Day.ultima modifica: 2012-10-28T17:35:00+01:00da amarituda
Reposta per primo quest’articolo

10 Responses

  1. at |

    ahahah.. bè se ti può consolare i brufoli ce li ho avuti pure io.. fino “a tarda età”.. e decisamente sì, sono stati questione di fattore C…. detto ciò, ragazza della prima fila, è stato molto ma molto divertente condividere quest’ esperienza insieme :O))))
    baciooo
    p.s.: io chiacchierona al solito, scrivevo un paio di fogli protocollo ad ogni tema… e ad ogni valutazione mi si ringraziava per la lettura del weekend…

  2. at |

    solo tu potevi collegare il buco dell’ozono all’EcoFoodDay, passando per i brufoli hahahhh
    giornata bellissima passata insieme!!
    baciiii

  3. at |

    solo tu poteti parlare del buco dell’ozono e dell’EcoFoodDay passando per i brufoli hahhahh 🙂
    bellissima giornata insieme!!
    baciii

  4. at |

    @ Pici&Castagne: 🙂 m’hai chiamato ragazza. Ti giuro amore eterno per tutto il mese di novembre.

    @Iris: me sa che non ce sto tutta, me sa. 😉

  5. at |

    Ehi amica mia ma tu sei sempre la solita secchiona!?:D Non potevi raccontarci in modo migliore lo scopo, il motivo e l’intento dell’eco food day, giorno in cui ho avuto il piacere di conoscere una splendida persona: Tu
    Ma quali rughe? Che sembri una ragazzina! sorriso stampato e chiacchiera vivace! non cambiare mai che sei meravigliosa!
    La tua compagna di banco chiacchierona:*
    un abbraccio grande grande :**

  6. at |

    🙂 mamma Simo’ che belle parole…qua scatta la lacrimuccia 🙂
    Inutile che ribadisco che tu sei una meraviglia the same. Ma comunque lo faccio.
    Un abbraccio enorme e alla prossima 🙂

  7. at |

    Bellissima manifestazione (posso solo immaginare in quanto non ero presente, purtroppo) e divertentissimo post….brufoli o rughe? Accidenti al meglio!!!!
    Vado subito a leggermi le dieci regole dei food blogger eco!

  8. at |

    Eh si una bella lotta. 🙂
    Spero la condividerete anche voi.

  9. at |

    Niente da dire, ormai sei nello star sistem dei food bloggers. Quando vedremo le tue impronte nella cucina di Bottura? eh eh eh

  10. at |

    Beh, guarda mi hai fatto morire con la storia dei brufoli che hanno lasciato spazio alle rughe..se può essere di conforto stesso culo anche io…non appena ho sconfitto i primi hanno iniziato ad arrivare le seconde 🙁
    Sono arrivata qui passando da Patrizia, bello il tuo blog, verrò a trovarti!
    Ciao, Roberta

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.