Io e Franco ci riproviamo: Solopergusto è (di nuovo) anche vino

Share via email

E niente, io e Franco ci riproviamo.

 

logo

Come vi ho raccontato qua, tutto nacque su Twitter, mai visti e conosciuti, ma ci si continua allegramente  a punzecchiare da anni.

Io, dei due,  sono quella bella giovane (!) e simpatica, lui quello più in là con gli anni, borbottone e puntiglioso. Ok, forse non è così, ma il blog è mio e me la racconto come mi pare.

Comunque, la verità è che pure se (ancora) non ci siamo mai visti e conosciuti da vivo, ci unisce una grande passione per quello di cui parlaimo, io cibo e lui vino, ma soprattutto, ci siamo trovati subito per quel modo di entrambi di dirla papale papale, senza troppi fronzoli, pane al pane e Vino al Vino, e guardacaso Vino al Vino è pure il nome del suo blog.

Franco, però è uno che del vino ne ha fatto un lavoro, mica come la sottoscritta che parla di cibo solo per gusto (OPS!)

Quindi, torniamo a noi, che vi volevo dire? Semplice, che ci riproviamo, e che quando ci va, se ci va e finchè ci piace, io cucino e Franco ci mette il vino.

#Staytuned

 

Franco Ziliani

francoOrgogliosamente milanese di nascita (1956), ma bergamasco d’adozione, Franco (all’anagrafe Francesco) Ziliani scrive di vino dal 1983. Tra le persone che più l’hanno influenzato, in ordine sparso, Giorgio Grai, Germano Pellizzoni, Gino Veronelli, Bartolo Mascarello e Nicolas Belfrage. Innumerevoli le collaborazioni cartacee, passate e presenti (particolare orgoglio per l’inglese The World of Fine Wine, per Casaviva e A tavola), ma da oltre 15 anni imperversa sul Web. WineReport dapprima, quindi dal 2006 Vino al vino e dal 2010 Lemillebolleblog. Barolodipendente, champagnista e franciacortista convinto, rosatista ante litteram innamorato della Puglia e dei suoi vini, un rapporto interlocutorio con il Brunello, oggi dice la sua anche sul Cucchiaio d’argento, su Oggi cucina e ovunquetollerino la sua indipendenza e il suo stile da “franco tiratore”.